ALL YOU CAN EAT

ALL YOU CAN EAT

Tratto da “Exuberant Animal” di Frank Forencich

 

Dire che abbiamo problemi col cibo non è abbastanza. Ogni anno consumiamo migliaia di libri sulle diete, articoli e talk show ogni anno e non ci basta. Misuriamo e analizziamo il nostro cibo fino all’ultima molecola e ancora siamo in ansia. Il nostro inconscio è frustrato, in uno stato di ansia perenne, costantemente sotto assalto dai messaggi del mercato del cibo che ci dicono di mangiare e bere di più e di tutto, mentre allo stesso tempo cerchiamo di perdere peso. Non c’è da meravigliarsi se molti di noi hanno abitudini alimentari non funzionali.
Sarebbe allettante approcciare il nostro enigma alimentare al suo stesso livello, ma propongo una soluzione filosofica. Per uscire dalla paura del cibo dobbiamo innalzare la nostra discussione ad un livello di astrazione. Dobbiamo cioè pensare meno al cibo e più al nutrimento, meno alle cose che portiamo alla bocca e più alle cose che nella vita realmente ci sostengono.


IL CIBO DI UN CHIRURGO

Ovviamente, il cibo è una parte essenziale del nutrimento, ma l’uomo non vive di solo cibo. Una dieta salutare è necessaria, ma lontana dall’essere sufficiente. Noi ci nutriamo di svariate cose.
Qualche anno fa presi parte ad una conferenza di medicina sportiva sull’allenamento funzionale e la riabilitazione.  Una presentazione mi impressionò profondamente: un importante chirurgo ortopedico parlò della sua esperienza nella ricostruzione del ginocchio, in particolare la riparazione chirurgica del legamento crociato anteriore (LCA). Mentre ascoltavo rimasi affascinato non solo dalla sua approfondita conoscenza dell’anatomia, ma anche dal suo assoluto entusiasmo per il suo lavoro. Era ovvio che quest’uomo viveva e respirava operazioni LCA. Più tardi, quando mi ritrovai a descrivere questo medico a degli amici, dissi loro “Quest’uomo preferirebbe sicuramente eseguire un’operazione piuttosto che mangiare”.
Quella volta stavo semplicemente colorando un po’ il linguaggio, ma ora mi sono accorto della verità della cosa. Non era solo una metafora. Si chieda a questo dottore di scegliere tra un piatto di aragoste e un nuovo paziente con un ginocchio da operare, ed egli sicuramente sceglierà il ginocchio ogni volta. Egli trarrà reale nutrimento dalla sua pratica chirurgica, nutrimento che lo sosterrà in maniera sostanziale e significativa. Per questo dottore, la chirurgia era cibo.
Quindi, anziché parlare di gruppi alimentari, parliamo di gruppi di nutrimento. Propongo di raggruppare il nutrimento umano in 5 categorie di approssimativamente uguale importanza: edibile, cinetico, sociale, esperienziale e biofilo.
Queste categorie sono in qualche modo provvisorie e saranno soggette a cambiamenti e interpretazioni. Tuttavia ci consentiranno di guardare al nutrimento in maniera semplice. L’idea è quella che per un sostentamento bilanciato si ha bisogno di prestare attenzione a tutti questi gruppi. Non è sufficiente il semplice mangiare cibo sano. Abbiamo bisogno di nutrirci attraverso una più ampia gamma di esperienze.


NUTRIMENTO EDIBILE

Il cibo edibile è il cibo tangibile che mangiamo ogni giorno: la roba che cuciniamo, mastichiamo e deglutiamo. Quella che compriamo al supermercato e che mangiamo al ristorante. Certo, c’è molto da dire sul cibo edibile, ma è già stato detto quasi tutto ed è rimasto molto poco da aggiungere alla discussione. Sappiamo che è una cosa intelligente fare colazione e consumare molta frutta e verdura. Sappiamo che è meglio ridurre il consumo di grassi trans e di carboidrati che influenzano l’insulina. Sappiamo che le diete sono solitamente controproducenti e che i venditori di cibo diranno qualsiasi cosa pur di farci mangiare i loro prodotti. È rimasto poco di misterioso.
Le diete primitive sono ora in voga, ma anche in questo campo sappiamo quasi tutto ciò di cui abbiamo bisogno. I primi ominidi erano puramente vegetariani, ma gli ominidi più avanzati e i primi umani cominciarono a cacciare e a mangiare carne. Infine siamo ora onnivori versatili. Nel momento in cui abbiamo cominciato ad emigrare e a stabilirci in bio-regioni differenti, abbiamo cominciato a nutrirci di una grande varietà di cibi. Alcune tribù indigene sono quasi del tutto vegetariane, ma le popolazioni Inuit dell’artico mangiano praticamente solo carne. Entrambi rimangono generalmente in buona salute.
Se abbiamo necessità di guide aggiuntive sul cibo commestibile, non dobbiamo fare altro che rivolgerci al movimento Slow Food, fondato da un gruppo di attivisti culinari europei nel 1989. La missione di Slow Food è quella di ritornare alle nostre radici nutrizionali privilegiando ingredienti di qualità, il piacere, la comunità e la sostenibilità. Il manifesto Slow Food ci dice quasi tutto ciò che abbiamo bisogno di sapere.


NUTRIMENTO CINETICO

La seconda forma di nutrimento umano è il movimento, l’attività e l’esercizio fisico. Sappiamo che i tessuti del nostro sistema muscolo-scheletrico, i nostri muscoli, tendini, legamenti e ossa, non possono svilupparsi in uno stato di inattività: essi dipendono dai carichi gravitazionali e cinetici per mantenere la loro integrità e salute. Quando un tessuto muscolare viene sollecitato, esso risponde con la crescita e aumentando gli impulsi neurali. Quando le fibre dei tessuti connettivi sono messe alla prova con contrazioni ripetute, esse super-compensano divenendo più spesse nelle articolazioni critiche. Quando le ossa sono caricate in maniera ripetitiva, aumentano la loro densità minerale.
In questo senso, possiamo parlare a ragion veduta di stress gravitazionali, cinetici e di resistenza come nutrimento.  I nostri tessuti necessitano di stress fisici allo stesso modo in cui necessitano di un apporto ottimale di proteine, grassi, carboidrati; in questa accezione non è un’esagerazione dire che il movimento fisico vigoroso sia cibo.


NUTRIMENTO SOCIALE

Il terzo gruppo di nutrimento è il cibo sociale, il bisogno umano di contatto, comunicazione e riconoscimento. Ad un livello intimamente fisico, ciò significa toccarsi. Non c’è questione su questo punto, l’essere umano ha necessità di toccare e di farsi toccare dagli altri: il contatto tattile è cibo. Questo bisogno è comune a tutti i primati. Eliminate il contatto fisico e una buona parte di salute sparirà con esso.
Oltre al contatto, abbiamo anche un irresistibile bisogno di riconoscimento sociale. Nessuno riconosce questo meglio di Robert Fuller, autore di Somebodies and Nobodies: overcoming the abuse of rank.
Il Riconoscimento sta alla psiche come il nutrimento sta al corpo. È il cibo dell’identità. Lo sguardo senziente di un altro essere umano conferma la nostra ragion d’essere. Questo è indispensabile alla salute mentale come il cibo è indispensabile alla salute fisica.
Fuller riconosce inoltre il problema nei termini di carenza alimentare
Come le carenze alimentari, le carenze di riconoscimento possono arrestare la crescita e ridurre le prestazioni. Al crescere della loro fame di riconoscimento, coloro che si sentono invisibili diventano sempre più disperati. Ciò che comincia come una carenza si trasforma in una conclamata patologia… Senza sorprese, le persone che non ricevono il nutrimento del riconoscimento subiscono serie conseguenze.
L’apprezzamento di Fuller del riconoscimento sociale come nutrimento si sposa perfettamente con recenti studi circa la relazione tra lo stato sociale e la salute. Quando andiamo a dare un’ampia occhiata alla salute in relazione al rango sociale, vediamo una consistente pendenza. Cioè, gli individui appartenenti ad uno status più alto tendono ad essere più in salute di quelli di un livello inferiore. Michael Marmot, professore di epidemiologia e salute pubblica al University College di Londra, chiama questo fenomeno “la sindrome dello status”.
L’ovvia spiegazione – che le persone di un rango più alto possiedono più soldi e un più facile accesso alle cure mediche – è solo una piccola parte del quadro. Le disparità sociali non riguardano solo il benessere, ma anche la partecipazione, il potere, il controllo e i sentimenti di merito. Questi aspetti sono i maggiori contributori alla salute e alla malattia. In questo senso, persone di rango più alto sono nutrite meglio dei loro soci di rango inferiore.


NUTRIMENTO ESPERIENZIALE

La quarta categoria del nutrimento umano include le sfide mentali, intellettuali e psicologiche che ci tengono impegnati con il mondo attorno a noi. Come ci nutriamo di proteine, grassi e carboidrati, ci nutriamo anche di scienza, arte e dottrine umanistiche. Le espressioni “nutri la tua curiosità” e “cibo per la mente” sono più che un linguaggio colorito. In fatti, le idee sono nutrienti umani essenziali. Abbiamo fame di verità, filosofie, spiegazioni e storie che illuminano il nostro mondo e le nostre situazioni difficili. Esplorare una buona libreria è come andare ad un buffet.
Similmente, ci nutriamo anche di rischio, novità e stress. Amiamo mettere la testa fuori ed esporre noi stessi al mondo. L’incertezza, la diversità e la novità ci stimolano e ci fanno andare avanti. Sì, lo stress può diventare cronico, opprimente e fisicamente distruttivo, ma in proporzione esso può essere altamente nutriente. Neuroscienziati hanno confermato questo fatto, scoprendo che l’apprendimento è più efficace quando avviene sotto l’influenza di livelli moderati di ormoni dello stress.


NUTRIMENTO BIOFILO

Il quinto grande gruppo di nutrimento è il contatto con il mondo naturale. Questa è la nostra fonte di cibo biofilo. Come descritto dal biologo E. O. Wilson, la biofilia (letteralmente “amore della vita”) è la nostra “innata tendenza ad associarci con le altre creature e processi viventi”. I nostri corpi si sviluppano in circostanze naturali. Studi condotti in alcuni ospedali mostrano che i pazienti con una finestra che dà su un contesto naturale hanno una degenza post-operatoria più breve, meno complicazioni e chiedono meno medicazioni per il dolore dei pazienti senza una veduta simile dalla finestra. E tutti noi abbiamo sentito parlare degli effetti benefici degli animali da compagnia sui malati.
I massaggiatori spesso parlano della potenza del contatto nella salute umana, ma abbiamo anche un bisogno più ampio che va oltre la nostra specie. I nostri corpi desiderano il contatto con piante, animali, terreno e aria aperta. Abbiamo bisogno di annusare la terra, toccare il suolo coi piedi scalzi, sentire la consistenza delle piante, osservare i movimenti degli animali, e sentire il vento sul viso. In un certo senso necessitiamo di essere massaggiati dal mondo naturale. I nostri corpi bramano questo contatto.


LA DIETA EQUILIBRATA

L’intelligenza ci suggerisce che gli stessi principi della sana alimentazione dentro al gruppo del cibo edibile, si applicano al nutrimento umano nel suo complesso. Ossia, cerchiamo la diversità, la proporzione e l’armonia in tutte le categorie. Il percorso ideale verso un nutrimento completo è il “mangiare” da tutti i gruppi, prendendo il nutrimento non solo dal cibo commestibile, ma anche dai gruppi cinetico, sociale, esperienziale e biofilo.
Il disequilibrio avviene nel momento in cui si cerca di attingere tutto il proprio nutrimento da uno o due gruppi; ipernutriti in un’area della vita, affamati in altre. È facile pensare a degli esempi. Conosciamo tutti delle persone che prendono la maggior parte del loro nutrimento da una singola attività o disciplina mentre ignorano altre parti della loro esperienza: l’intellettuale che non muove mai il suo corpo, l’atleta che non apre mai un libro o il bambino che passa il tempo sui videogame e non esce mai di casa.
Disequilibri nel nutrimento portano inoltre a compensazioni. Se abbiamo delle carenze in una categoria, probabilmente andremo e cercare nutrimento da qualche altra parte. Se non riusciamo ad ottenere il nutrimento cinetico, sociale, biofilo o esperienziale di cui abbiamo bisogno, quasi certamente compensiamo “mangiando” di più da un altro gruppo. In questi, di certo, quel “da qualche altra parte” è solitamente il cibo edibile. Molti di noi mangiano più del dovuto per la semplice ragione che non ottengono ciò di cui hanno bisogno in altre aree della loro vita. Non siamo realmente desiderosi di cibo edibile, ma stiamo morendo di fame in altri modi e sentiamo il bisogno di consumare qualcosa. E certamente, quando parliamo di nutrimento in senso ampio, è inevitabile andare a cercare analogie nel “cibo spazzatura” che non passa inosservato nel gruppo del cibo edibile. Ci meravigliamo dell’ ”esercizio fisico-spazzatura”, della “socievolezza-spazzatura”, delle “idee-spazzatura” e della “biofilia-spazzatura”. Come il cibo spazzatura commestibile, queste cose rimpiazzano il nutrimento autentico e prezioso e ci lasciano temporaneamente sazi ma fondamentalmente insoddisfatti. Naturalmente c’è molto spazio all’interpretazione su questo argomento e lascio a voi determinare cosa è finto nutrimento e cosa realmente soddisfa.


È palese dove la nostra cultura ha bisogno di andare. Necessitiamo di più movimento, più autentico contatto sociale, più impegno intellettuale e più contatto con il mondo naturale. L’idea, come sempre, è di rendere la nostra dieta completa, di nutrirci a tutto campo.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...